Camera di Commercio di Piacenza
Tu sei qui: Portale Attività Regolamentate Autoriparazione
Azioni sul documento

Attività di Autoriparazione

pubblicato il 06/10/2010 11:40, ultima modifica 22/11/2017 11:45

Novità dal 01/07/2017

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26/11/2016 (S.O. n. 52), del D.Lgs. 25/11/2016 n. 222, recante “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'art. 5 della L. 07/08/2015, n. 124”, a decorrere dall’ 11/12/2016  sono entrate in vigore nuove disposizioni che riguardano, tra le altre, anche le attività di autoriparazione  e  commercio ingrosso.

Dal 01/07/2017 è modificato il regime amministrativo per l'avvio dell'attività di autoriparazione: occorre presentare la segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA) allo sportello unico per le attività produttive e per le attività di servizi presso il Comune (SUAP)  

In particolare si segnala che per l'attività di autoriparazione con impatto acustico:

a) se non si superano le soglie della zonizzazione comunale dovrà essere presentata una SCIA Unica al SUAP competente: Scia per l'avvio dell'attività più comunicazione di impatto acustico;

b) in caso di emissioni superiori ai limiti di zonizzazione dovrà essere presentata una SCIA condizionata al SUAP competente: Scia per avvio dell'attività più nulla osta di impatto acustico.

Prevenzione incendi in caso di:

a) in caso di officine di ripazione di veicoli a motore, rimorchi per autoveicoli e carrozzerie di superficie coperta superiore a 300 mq  oppure officine meccaniche per lavorazioni a freddo con oltre 25 addetti, dovrà essere presentata una SCIA Unica al SUAP competente: Scia per l'avvio dell'attività più Scia per prevenzione incendi;

b) emissioni in atmosfera in caso di riparazione e verniciatura di carrozzerie e di autoveicoli, mezzi e macchine agricole con utilizzo di impianti a ciclo aperto e utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all'uso giornaliero non superiore a 20kg, dovrà essere presentata una SCIA condizionata al SUAP competente: Scia per l'avvio dell'attività più autorizzazione generale o AUA per emissioni in atmosfera;

c) emissioni in atmosfera in caso di riparazione e verniciatura di carrozzerie e di autoveicoli, mezzi e macchine agricole con utilizzo di impianti a ciclo aperto e utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all'uso giornaliero superiore a 20kg,  dovrà essere presentata una SCIA condizionata al SUAP competente: Scia per l'avvio dell'attività più AUA per emissioni in atmosfera.

Si invita a contattare il Comune di riferimento.

 

Le attività di autoriparazione regolamentate dalla L. 122/1992 sono le seguenti:

  1. meccatronica
  2. carrozzeria
  3. gommista

 

MECCATRONICA

Entro il 5 gennaio 2018 le imprese devono regolarizzare la posizione delle persone preposte alla gestione tecnica per l'attività Meccatronica

 

L'art. 3 della legge 224/2012 detta le seguenti norme transitorie:

  1. le imprese che, alla data del 05/01/2013, erano già abilitate sia alle attività di meccanica e motoristica sia a quella di elettrauto ( legge 122/1992), sono abilitate di diritto allo svolgimento della nuova attività di meccatronica;
  2. le imprese che, alla data del 5 gennaio 2013, sono iscritte nel registro delle imprese solo per una delle due attività di meccanica motoristica o di elettrauto possono proseguire sino al 5 gennaio 2018.

 

Entro il ricordato termine del 5 gennaio 2018, le imprese devono regolarizzare la posizione di ogni persona preposta alla gestione tecnica (cosiddetto responsabile tecnico) per l'attività di Meccatronica o con la frequenza obbligatoria di un corso professionale riconosciuto dalla regione oppure dimostrando di aver esercitato idonea attività per almeno tre anni negli ultimi cinque.

L'impresa dovrà inoltrare al Registro delle Imprese una pratica telematica di Comunicazione Unica di variazione attività nella sede (o nell'eventuale unità locale operativa) indicando quale inizio attività di meccatronica la data di presentazione della denuncia. Alla Comunicazione Unica dovrà essere allegato il modello per l'autocertificazione del possesso dei requisiti e l'autocertificazione antimafia.

Quando l'aspirante responsabile tecnico, già abilitato a una sola delle due sezioni (ex meccanica motoristica o ex elettrauto) abbia acquisito la competenza tecnica-professionale anche per l'altra sezione, può presentare apposita istanza per il riconoscimento della nuova sezione meccatronica. Per dimostrare di aver acquisito la competenza necessaria la persona allega all'istanza il modello denominato “Dichiarazione del possesso dei requisiti per l'attività di meccatronica".

E’ prevista  una deroga per le persone già iscritte come responsabili tecnici (meccanica motoristica e/o elettrauto) nel Registro delle imprese  o nell'Albo delle imprese artigiane prima dell'entrata in vigore della legge di modifica n. 224/2012, che abbiano compiuto 55 anni alla data del 5 gennaio 2013, le quali possono proseguire l'attività fino al conseguimento della pensione di vecchiaia.

Per determinare i sistemi complessi dell'autoveicolo si può far riferimento all'elenco allegato.

  

Requisiti

 

Per l'esercizio dell'attività di autoriparazione è richiesto il possesso dei requisiti specificamente indicati nell'art. 7 della legge citata.

Qualora come preposto alla gestione tcnica sia nominato un associato in partecipazione occorre  allegare copia del contratto registrato da cui risulti il numero di ore e/o il compenso minimo per la prestazione dell’associato/percentuale di partecipazione agli utili. Nel Contratto di associazione in partecipazione devono essere riportate tutte le tipologie di attività per le quali l'associato apporta il proprio lavoro.L'associazione in partecipazione che comporti prestazione di lavoro non può essere costituita con persona fisica (art. 2549 c.c. come modificato dall'art. 53 del dlgs 81/2015 in vigore dal 25/06/2015).


Il preposto alla gestione tecnica deve possedere, oltre ai requisiti tecnico professionali, i seguenti requisiti:

Personali e morali

  • essere cittadino italiano o di altro Stato membro della Comunità Europea o di uno Stato non appartenente alla Comunità Europea con cui sia operante la condizione di reciprocità;
  • non aver riportato condanne definitive per reati commessi nella esecuzione degli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di veicoli a motore per i quali è prevista una pena detentiva;
  • non essere sottoposto a misure di prevenzione antimafia;

con il Regolamento regionale n. 2/2008  all'art. 2 comma 1 punto d) 3), la Regione Emilia Romagna - con effetto dal 25/12/2008 - ha abolito l'obbligo di presentazione di certificato di idoneità fisica, richiesto dall'art. 7 comma 1 lett. c) della legge 122/92.

Professionali

  • avere esercitato l'attività di autoriparazione, alle dipendenze di imprese operanti nel settore per almeno tre anni negli ultimi cinque; il periodo è ridotto di un anno qualora l'interessato abbia conseguito un titolo di studio a carattere tecnico-professionale attinente all'attività (diverso da quelli indicati alla lettera "c");
  • avere frequentato, con esito positivo, un apposito corso regionale teorico-pratico di qualificazione, seguito da almeno un anno di attività negli ultimi cinque, come operaio qualificato con mansioni di autoriparatore nel settore;
  • avere conseguito, in materia tecnica attinente all'attività, un diploma di istruzione secondaria di secondo grado o un diploma di laurea.

E' consultabile il manuale contenente le linee guida approvate e individuate dalle Camere di Commercio della Regione Emilia Romagna che fornisce indicazioni in merito ai titoli di studio considerati idonei per il riconoscimento dei requisiti professionali necessari per l'esercizio dell'attività di autoriparazione e l'iscrizione nelle apposite sezioni (meccatronica, carrozzeria e gommista) previste dalla Legge 122/92.

Con riferimento ai titoli di laurea di cui alle pagine 4 e 5 delle linee guida si precisa che è necessario produrre il piano di studi per verificare che il medesimo sia idoneo allo svolgimento delle attività di autoriparazione.

In caso di controllo a campione la Camera di Commercio di Piacenza procederà a chiedere apposito parere al CUN, Consiglio Universitario Nazionale.

 

Contatti

 

Telefono: 0523/3861

Mail: albi.ruoli@pc.camcom.it

 

Orario di apertura al pubblico

 

da lunedì a venerdì dalle ore 8,45 alle 12,45

 

lunedì e giovedì anche dalle 15,00 alle 17,00

 

La richiesta di un appuntamento, anche se non necessaria, consentirà una migliore e più rapida risposta alle esigenze degli utenti.

 

 

 

2.8125
Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali

Privacy

Codice Fiscale e Partita IVA
00276970332

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Piacenza

Piazza Cavalli, 35 - 29121 Piacenza
Telefono 0523 3861 Fax 0523 334367
PEC: cciaa.piacenza@pc.legalmail.camcom.it