Camera di Commercio di Piacenza
Tu sei qui: Portale Newsletter Internazionalizzazione InfoEstero - Camera di commercio di Piacenza InfoEstero – Camera di Commercio di Piacenza – Numero 18/2020

InfoEstero – Camera di Commercio di Piacenza – Numero 18/2020


21/12/2020

Informazioni e novità per l’internazionalizzazione

Emergenza coronavirus

Modalità per l’accesso ai servizi della Camera di commercio

Ritenuto indispensabile adottare per la Camera di commercio di Piacenza misure in linea con quanto stabilito dal DPCM 8 marzo 2020, al fine di tutelare la sicurezza di dipendenti e utenti, il Segretario Generale dell’Ente con disposizione n. 36 del 22.10.2020 ha previsto che:

1. l’accesso agli sportelli di front office avviene esclusivamente previo appuntamento* nei seguenti orari: martedì, mercoledì e venerdì 8:45-12:30; lunedì e giovedì 8:45-12:30 e 15:00-16:30;

2. al fine di evitare assembramenti, la seconda porta automatica di accesso alla sede camerale verrà aperta solo agli utenti che, in base alla comunicazione scritta effettuata da ciascun ufficio alla reception, avranno preventivamente effettuato la prenotazione*;

3. le informazioni su procedimenti, pratiche, servizi, ecc. saranno fornite tramite telefono – nelle sole fasce orarie dedicate - o mail previa richiesta degli interessati con conseguente sospensione di attività informativa di front office;

4. sospensione sedute commissioni prezzi, incontri di mediazione, composizione crisi e arbitrato presso la sede camerale fino al termine dell’emergenza sanitaria;

I recapiti telefonici e mail di tutti gli uffici camerali sono disponibili sul sito www.pc.camcom.it

*Per il ritiro dei soli Certificati d’origine e Visti per l’estero la presentazione all’ingresso della mail del sistema Cert’O di completamento con esito positivo della pratica è da intendersi come conferma di appuntamento

Adempimenti doganali

BREXIT: verso il ripristino delle operazioni doganali tra Unione Europea e Regno Unito

In base allo stato delle negoziazioni tra Unione Europea e Regno Unito sembra sempre più probabile che un accordo sugli scambi non sia raggiungibile nell'immediato. E', quindi, indispensabile che gli operatori siano pronti al ripristino delle normali operazioni doganali per gli scambi con il Regno Unito ed anche alle regole per il movimento delle persone, seguendo le prime indicazioni fornite dalla breve guida della Commissione europea.

Va chiarito innanzitutto che tutte le cessioni di merci dall'Italia al Regno Unito rappresenteranno operazioni di esportazione (verso paese terzo - extra UE); sarà perciò necessario espletare formalità doganali a prescindere dalla negoziazione o meno di un accordo. Le procedure da seguire sono dettagliate espressamente e con chiarezza al link dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: la presentazione della dichiarazione, l'assegnazione del numero di riferimento dell’operazione M.R.N (Movement Reference Number), l'attribuzione del DAE (Documento Accompagnamento Esportazione) e la ricevuta di uscita della merce sono ad oggi tutte attività informatizzate.

Va ricordato, inoltre, che per esportare verso Paesi extra UE, e quindi dal gennaio 2021 anche verso la Gran Bretagna, è necessario essere titolari di un codice EORI. Questa è una formalità che gli operatori che fino ad oggi hanno svolto solo transazioni intracomunitarie dovranno adempiere in via preventiva, per poter garantire la continuità di invio delle proprie merci nel Regno Unito; gli operatori sprovvisti di tale codice fin da ora possono prendere contatti con le Autorità doganali per ottenerlo (si veda in proposito la scheda di sintesi redatta da Agenzia ICE).

Le linee guida pubblicate nel luglio scorso dal Governo britannico e rivolte prevalentemente agli operatori inglesi, chiariscono che si arriverà al pieno regime delle nuove operazioni doganali, con richiesta di documentazione maggiormente dettagliata, soltanto dal 1° luglio 2021. La scheda predisposta dall'Agenzia ICE, riassume alcuni temi trattati nel documento, descrivendo l'introduzione dei controlli doganali all'importazione distinti in tre momenti: 1 gennaio 2021, 1 aprile 2021 e 1 luglio 2021, quando tutti i nuovi regimi doganali si prevede saranno completamente operativi. Per ciò che attiene le merci coperte da Convenzioni internazionali (ATA - TIR), l'operatività è prevista a partire dal 1 gennaio 2021. Di conseguenza è possibile che siano già richiesti Carnet con destinazione Regno Unito a partire dalla prima fase.

Da ultimo, in tema di passeggeri, viene reso noto dalle Autorità britanniche che solo a partire dal 1 ottobre 2021 sarà obbligatoria per i cittadini dell'UE l'esibizione del passaporto per l'ingresso nel Regno Unito, poiché il governo abolirà gradualmente l'uso delle carte d'identità nazionali. Inoltre, non saranno necessari visti di ingresso per viaggi di breve durata o turismo.

Questa vuole essere una prima informativa rivolta prioritariamente alle imprese che sino ad oggi hanno operato solo in regime intracomunitario e che dovranno presto approcciare tutte le operazioni e misure connesse con i regimi doganali di esportazione e importazione. Seguiranno aggiornamenti

BREXIT: informazioni sui documenti per l'estero

A partire dal 1 gennaio 2021, la Gran Bretagna uscirà definitivamente dall’Unione Europea, divenendo a tutti gli effetti uno Stato terzo, con conseguente ripristino delle operazioni doganali per gli scambi. Di seguito alcune informazioni e suggerimenti di dettaglio relativamente ai documenti accompagnatori dell'export.

Origine delle merci

Attualmente non è stato ancora definito un accordo negli scambi commerciali UE/Regno Unito e in ragione di ciò alle merci non potrà essere attribuita alcuna origine preferenziale. Le dichiarazioni di esportazione, pertanto, non devono essere accompagnate da alcuna prova dell’origine preferenziale. Non devono essere quindi prodotti certificati EUR 1, né dichiarazioni di origine preferenziale, né al momento è necessaria la figura di esportatore autorizzato o esportatore registrato. Tali adempimenti potrebbero essere previsti in un prossimo accordo di libero scambio, ad oggi non ancora realizzato. In relazione a ciò non sarà possibile beneficiare di dazi agevolati sull'importazione delle merci UE nel Regno Unito, né sulle merci del Regno Unito che vengono importate nell'Unione europea, a meno di accordi particolari chiusi nell'ultima ora.

In merito al certificato di origine non preferenziale emesso dalle Camere di commercio, non è previsto alcun obbligo per gli scambi con il Regno Unito, ma è possibile che sarà richiesto - a fini commerciali e non doganali -  almeno fino a quando non sarà siglato un accordo di libero scambio. Il carattere originario dei prodotti, qualora le merci abbiano attualmente origine UE in virtù di materiali di origine UK che incorporano o di lavorazioni sostanziali effettuate in UK, dovrà essere oggetto di rivalutazione, considerando che i materiali UK o le lavorazioni effettuate in UK saranno del tutto equiparabili a quelle di un Paese terzo. Infatti, rispetto all'attribuzione dell'origine, quella relativa ai prodotti originari del Regno Unito non potrà più essere considerata dell'UE, neanche per beni giunti sul nostro territorio prima del 1 gennaio 2021, a meno di particolari norme specifiche che dovessero essere emanate nel merito a ridosso della scadenza. Quindi, per i beni acquistati anche in precedenza da fornitori inglesi, non potrà essere più certificata l'origine UE, se si tratta di beni di produzione o ultima lavorazione sostanziale avvenuta in UK.

Carnet ATA

I beni accompagnati da Carnet ATA in arrivo e in partenza dalla Gran Bretagna non saranno più in libera circolazione e saranno assoggettati alle procedure doganali. I Carnet ATA emessi nel corso del 2020, e scadenti nel 2021, non potranno essere utilizzati nel 2021 salvo che i beni si trovino in Gran Bretagna già dal 2020.

Materiali informativi

Al link seguente del portale WorldPass: http://www.worldpass.camcom.it/InfoBrexit/1098 è pubblicata una raccolta di materiale illustrativo (schede di approfondimento e video) realizzato dall'Agenzia ICE, per alcuni contenuti in collaborazione con l'Ambasciata italiana a Londra. Tali strumenti divulgativi possono essere utili alle imprese che continueranno ad intrattenere relazioni con partner commerciali inglesi. Seguiranno aggiornamenti

Accordo di libero scambio UE-Vietnam

Il 1 agosto 2020 è entrato in vigore l’Accordo di libero scambio siglato a Bruxelles il 30 marzo 2020 tra l'Unione europea e la Repubblica socialista del Vietnam. L’Accordo in questione prevede la soppressione quasi totale (99%), nell'arco temporale di 10 anni, dei dazi doganali tra le parti contraenti anche sui principali prodotti europei di esportazione verso il Vietnam: macchinari, automobili e prodotti chimici. Condizione necessaria per l'accesso alle agevolazioni tariffarie è che i beni scambiati acquisiscono l'origine preferenziale. La prova dell'origine preferenziale per le esportazioni di prodotti originari da UE a Vietnam sarà la dichiarazione su fattura compilata da un esportatore registrato al sistema REX. Gli esportatori unionali già in possesso di numero di registrazione al sistema REX potranno direttamente utilizzare tale numero, senza dover presentare un'ulteriore domanda. Il testo dell’attestazione di origine è quello previsto all’allegato VI del protocollo 1 dell’accordo ALS UE-Vietnam. Per maggiori informazioni si rinvia ai seguenti documenti:

Certificati d’origine: Turchia introduce l’obbligo di menzione del Paese di origine

La Turchia ha recentemente introdotto un nuovo regolamento che stabilisce l'obbligo di menzione del Paese di origine in casella 3 dei certificati e quindi l'indicazione generica "Unione Europea" non sarà più accettata dalle Dogane turche. La Commissione Europea sta cercando di chiarire la questione con le Autorità turche ed alcune precisazioni potranno seguire nei prossimi giorni. Nel frattempo si prega di voler tenere in considerazione quanto sopra nel rilascio dei certificati a destinazione Turchia: la menzione Unione Europea dovrà sempre essere seguita dallo specifico Paese di origine o anche da più Paesi nel caso di beni originari di diversi Paesi UE. Seguiranno eventuali aggiornamenti.

Bandi e finanziamenti

Bando della Regione Emilia-Romagna per Progetti di promozione internazionale digitale dei Consorzi - Anno 2021

Il bando, approvato dalla Giunta regionale con la delibera n. 1270 del 28 settembre 2020, supporta specifici progetti aggregati di promozione internazionale digitale realizzati dai Consorzi di imprese, attinenti alle attività promozionali e a quelle permanenti di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica all'estero. Possono partecipare al bando i Consorzi per l’internazionalizzazione con sede nella Regione Emilia-Romagna. L’agevolazione consiste in un contributo fino al 50% della spesa ammissibile, che devono essere riconducibili alle seguenti voci: Analisi per l'adozione di servizi digitali e virtuali, Preparazione di un piano export digitale, Temporary export manager e/o Digital export manager, marketing digitale, consulenza per avvio e sviluppo di business online (b2b e b2c), comunicazione e di promozione, sito web, partecipazione a incontri B2B ed eventi (virtuali o in presenza), partecipazione a fiere internazionali, sia in Italia che all'estero (virtuali o in presenza). Le spese devono essere sostenute nel periodo dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 e devono rispettare il regime d'aiuto de minimis. Le risorse stanziate ammontano complessivamente € 1.691.500,00. La domanda di contributo dovrà essere inviata esclusivamente per via telematica dalle ore 10 del 26 ottobre 2020 alle ore 16 del 15 marzo 2021. Per i dettagli consultare il seguente link

Servizi alle imprese

Made in Italy Pavilion: Accordo ICE – Alibaba.com

Agenzia ICE ha siglato un accordo con Alibaba.com che apre la possibilità per le piccole e medie imprese italiane di accedere alla piattaforma B2B leader mondiale Alibaba.com, con una sezione dedicata al Made in Italy. Alibaba.com è il portale di export digitale rivolto ai buyer internazionali che rappresenta la maggiore piattaforma mondiale di commercio B2B, grazie ai suoi 150 milioni di utenti registrati di cui 26 milioni di buyer attivi, 40 settori produttivi e 5900 categorie merceologiche. Negli ultimi tre anni, Alibaba.com, originariamente particolarmente concentrato sul mercato cinese, ha visto una forte espansione della sua attività al di fuori dell’Estremo Oriente, con tassi di crescita fino al 380% in mercati come USA, Canada, Germania, UK, Messico, Russia, India. La partecipazione all'iniziativa non prevede alcun costo di accesso per i primi 24 mesi da parte delle aziende in possesso dei requisiti minimi. L’adesione al progetto è limitata a un massimo di 300 imprese. Le aziende che sono già in possesso di un Account su Alibaba.com potranno ugualmente far richiesta per entrare a far parte del progetto, beneficiando senza costi aggiuntivi del piano di comunicazione generale del Made in Italy Pavilion. Per maggiori informazioni consultare il sito ICE

Export Flying Desk: ICE viene da te per far volare la tua impresa sui mercati esteri

L’Agenzia ICE, in collaborazione con Sace Simest Gruppo Cassa Depositi Prestiti (CDP), mette a disposizione delle aziende emiliane romagnole un desk di assistenza dedicato a favorirne l’internazionalizzazione attraverso la sua rete di Uffici in 78 Paesi del mondo. Un esperto sarà a tua disposizione, al momento via telefono o video call, per supportarti nella ricerca dei partner e clienti che più si avvicinano alle tue esigenze aziendali. Se sei interessato a incontrare un funzionario ICE per approfondire l’offerta dei servizi dell’Agenzia mirati ad affrontare nuovi mercati, può richiedere un appuntamento su questa pagina. Sarai ricontattato per concordare i dettagli dell’incontro. Per maggiori informazioni: efd.emiliaromagna@ice.it

Help Desk delle Camere di commercio per l'internazionalizzazione delle imprese

Per aiutare gli imprenditori che operano sui mercati internazionali in questa difficile fase emergenziale è stato attivato il nuovo servizio di help desk delle Camere di commercio. Raggiungibile via e-mail all'indirizzo emergenzacovid@sostegnoexport.it, il servizio - promosso da Unioncamere in collaborazione con Promos Italia - offre alle imprese, attraverso le Camere di commercio, una prima assistenza alla soluzione dei problemi di natura legale, doganale, contrattuale, fiscale legati al commercio con l'estero in tempi di Coronavirus. Un supporto immediato per trovare, tra l'altro, risposte sulle nuove procedure connesse all'esportazione, alla logistica e al trasporto delle merci (monitorando anche la situazione ai confini dei vari Paesi europei), oltre che sulle normative che alcuni paesi stanno introducendo per contrastare il contagio. Lo sportello costituisce anche un'utile bussola per individuare alcune opportunità in mercati oggi meno toccati dall'emergenza o, in prospettiva, nei paesi che per primi si rimetteranno in moto. Per far ciò, si avvale anche della collaborazione di Assocamerestero e della rete delle Camere di commercio italiane all'estero, in grado di dare tempestivamente informazioni "di prima mano" su come i principali mercati di riferimento dell'Italia stanno reagendo in questa fase e di offrire loro alcuni primi suggerimenti operativi. Le informazioni aggiornate sui principali paesi partner dell'Italia sono disponibili attraverso il portale www.sostegnoexport.it, che fornisce anche servizi di orientamento ai mercati esteri e di supporto alla definizione di piani di pre-fattibilità per l'export.

Iniziative e progetti

E-pills e-commerce: corso online sull'export digitale

Agenzia ICE ha pubblicato sul proprio sito un agile corso online realizzato attraverso sintetiche video pillole per affrontare i temi operativi dell'export digitale con un approccio pratico ed orientato al business. Uno strumento immediato ed intuitivo a disposizione delle piccole e medie imprese e di coloro che vogliono orientarsi negli strumenti e nelle opportunità dell'e-commerce internazionale. Il corso, realizzato da Netcomm su incarico dell'Agenzia ICE, ha un focus sui settori agroalimentare e vini, moda (compresi accessori, calzature e cosmetica), abitare e lifestyle, con particolare attenzione ai mercati più dinamici per l'e-commerce: Stati Uniti, Cina e mercati maturi europei. Il programma completo e le video pillole sono disponibili sul sito di ICE

Pubblicazioni

Info Help Desk: pubblicato il notiziario di novembre 2020

E’ disponibile l’ultimo numero del bollettino Info Help Desk “Italia – Europa”, un supporto alle aziende emiliano-romagnole finalizzato a fornire informazioni in merito ai finanziamenti e incentivi comunitari, regionali e nazionali derivanti da specifici bandi. Per i numeri arretrati consultare il nostro sito al seguente link.

Dossier Est Europa: disponibile nuovo numero

Nell'ambito delle attività della rete Enterprise Europe Network, Unioncamere Emilia-Romagna, in collaborazione con l'Eurosportello, azienda speciale della Camera di commercio di Ravenna, fornisce un supporto alle aziende regionali interessate a realizzare percorsi di internazionalizzazione nei paesi dell'Est Europa attraverso l'accesso ai Fondi Strutturali UE. All'interno di questo servizio viene pubblicato mensilmente il Dossier Est Europa contenente le principali opportunità di finanziamento in queste aree. Si può consultare l'ultimo dossier n. 11 del 2020 che illustra le opportunità paese relative bandi in scadenza, requisiti di ammissibilità, ed entità dei contributi di Fondi strutturali nei Paesi dell'Europa Orientale sul sito di Unioncamere ER. Per ricevere assistenza : simpler@rer.camcom.it Per informazioni sul servizio: Andrea Giunchi tel. 0544/481440 e-mail: andrea.giunchi@ra.camcom.it

“Business Expert Channel”: la video guida per l’internazionalizzazione delle PMI negli Stati Uniti

La Italy-America Chamber of Commerce Southeast ha realizzato “Business Expert Channel”, una video guida all’internazionalizzazione delle PMI negli Stati Uniti. Il Business Expert Channel è concepito come canale online di formazione per imprenditori ed ha come obiettivo quello di rendere facilmente accessibili, gratuite e fruibili una serie di informazioni orientative sul mercato USA fornite da riconosciuti professionisti ed esperti. Si tratta di una libreria digitale, composta da una collezione esclusiva di pillole video su tematiche di carattere legale, fiscale e commerciale. Avvocati, commercialisti e consulenti con un’ampia esperienza negli Stati Uniti condividono, attraverso questa piattaforma, indicazioni e suggerimenti per approcciare correttamente il mercato statunitense, che è certamente complesso, estremamente competitivo e con costi operativi elevati, ma anche ricco di opportunità come pochi altri nel mondo. I video sono prodotti in lingua italiana e affrontano le tematiche più comuni nell’ambito dell’internazionalizzazione. Tutti i video sono a disposizione degli utenti senza alcun costo di registrazione e facilmente condivisibili. Clicca qui per visionare i primi video della collezione (nuovi video saranno presto resi disponibili).

Export una guida per partire – e-book

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - in collaborazione con le Camere di commercio, le Regioni, ICE, SACE e SIMEST – ha realizzato l’e-book "Export: una guida per partire", un utile strumento digitale per tutte le imprese italiane interessate ad avviare o a rafforzare la propria presenza sui mercati internazionali. Si tratta di una guida gratuita, agevole e di taglio pratico, contenente le principali informazioni sui servizi offerti dal sistema pubblico, una sorta di “istruzioni per l’uso” verso l’estero. In particolare, sono illustrati tutti gli strumenti, le iniziative e i servizi ai quali può accedere un’impresa - sia a livello nazionale, sia a livello territoriale - in termini di formazione, informazione, orientamento e supporto finanziario. E' possibile scaricare la guida cliccando qui "Export, una guida per partire"

Camera di commercio di Piacenza – Sportello Internazionalizzazione
Piazza Cavalli, 35 – 29121 Piacenza
commercio.estero@pc.camcom.it

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali

Privacy

Dichiarazione di accessibilità

Codice Fiscale e Partita IVA
00276970332

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Piacenza

Piazza Cavalli, 35 - 29121 Piacenza
Telefono 0523 3861 Fax 0523 334367
PEC: cciaa.piacenza@pc.legalmail.camcom.it