Camera di Commercio di Piacenza
Tu sei qui: Portale Promozione PID - Punto Impresa Digitale News PID Bando voucher digitali per acquisto di beni, servizi, consulenza e formazione sulle tecnologie I4.0 - Anno 2021
Azioni sul documento

Bando voucher digitali per acquisto di beni, servizi, consulenza e formazione sulle tecnologie I4.0 - Anno 2021

— archiviato sotto:
pubblicato il 01/06/2021 14:05, ultima modifica 14/06/2021 13:13

Il bando - approvato con Determina del Commissario straordinario n. 38 del 25/05/2021- si rivolge alle micro, piccole e medie imprese (in breve MPMI) con l'obiettivo di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented, in attuazione della strategia definita nel Piano nazionale Transizione 4.0.

ATTENZIONE: Con determina dirigenziale n. 66 del 14 giugno 2021 è stata disposta la chiusura anticipata del "Bando voucher digitali I4.0 - anno 2021" a decorrere dalle ore 18:00 del 14 giugno 2021 per esaurimento risorse.

Interventi ammessi

Il Bando finanzia tramite l’utilizzo di contributi a fondo perduto (voucher), progetti di innovazione tecnologica I4.0 inerenti le seguenti tipologie di spesa.

  • a) servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste all’art. 2, comma 2 del Bando (Elenco 1 ed Elenco 2);

  • b) acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui all’art. 2, comma 2 del Bando (Elenco 1 ed Elenco 2);

  • c) spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura (quali spese di istruttoria, interessi, premi di garanzia, ecc.) relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale riferiti agli ambiti tecnologici di cui all’art. 2, comma 2 del Bando. Tali spese non possono superare il limite del 10% del costo totale del progetto finanziato.

Gli interventi di innovazione digitale previsti dai suddetti progetti e le relative spese dovranno riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1 – inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi – ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1.

  • Elenco 1:

  1. robotica avanzata e collaborativa;

  2. interfaccia uomo-macchina;

  3. manifattura additiva e stampa 3D;

  4. prototipazione rapida;

  5. internet delle cose e delle macchine;

  6. cloud, fog e quantum computing;

  7. cyber security e business continuity;

  8. big data e analytics;

  9. intelligenza artificiale;

  10. blockchain;

  11. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);

  12. simulazione e sistemi cyberfisici;

  13. integrazione verticale e orizzontale;

  14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;

  15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);

  16. sistemi di e-commerce;

  17. sistemi per lo smart working e il telelavoro;

  18. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;

  19. connettività a Banda Ultralarga.

  • Elenco 2:

  1. sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;

  2. sistemi fintech;

  3. sistemi EDI, electronic data interchange;

  4. geolocalizzazione;

  5. tecnologie per l’in-store customer experience;

  6. system integration applicata all’automazione dei processi;

  7. tecnologie della Next Production Revolution (NPR);

  8. programmi di digital marketing;

  9. soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica.

    Contributo camerale

L'importo del voucher è fissato in max € 5.000,00 ed è limitato al 50% dei costi ammissibili ed effettivamente sostenuti. I voucher saranno erogati con l'applicazione della ritenuta d'acconto del 4% ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600.

Tutte le spese devono essere sostenute a partire dal 25/05/2021 fino al 120° giorno successivo alla data di comunicazione all'impresa del provvedimento di concessione.

Per essere ammessi al contributo i progetti devono superare un importo minimo di investimento di € 2.000,00.

Modalità operativa

La trasmissione delle domande di contributo dovrà essere effettuata dalle ore 8.00 del 14/06/2021 fino alle ore 18.00 del 05/07/2021. Le domande di contributo potranno essere precaricate dalle ore 8:00 del 07/06/2021 e dovranno essere inviate esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello "Contributi alle imprese" all'interno del sistema Webtelemaco di infocamere - Servizi e-gov. Per informazioni sulle modalità di compilazione e trasmissione consultare la guida allegata.

I voucher saranno concessi secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda, tenendo conto dell’eventualità che l’impresa abbia beneficiato dei voucher nelle due annualità precedenti e del punteggio del rating di legalità. In caso di insufficienza dei fondi, l’ultima domanda istruita con esito positivo è ammessa alle agevolazioni fino alla concorrenza delle risorse finanziarie disponibili.

La domanda dovrà essere composta da:

  • Modulo di domanda, compilato in ogni sua parte;

  • modello F23 relativo al versamento dell'imposta di bollo;

  • Modulo Misura B;

  • preventivi di spesa di cui al comma 4 e, se applicabile, documentazione di dettaglio per spese di cui all’art. 7 comma 1 lett. c);

  • Modulo di dichiarazione di assoggettabilità alla ritenuta 4%;

  • Report di self-assessment di maturità digitale compilato “Selfi4.0” – di cui alla lettera c) Scheda 1 Misura B del Bando;

  • eventuale Modulo Procura dell’intermediario abilitato di cui al comma 2);

  • laddove applicabile, Modulo autodichiarazione di “Ulteriori fornitori” – di cui alla lettera a) Scheda 1 Misura B del Bando;

Normativa

Determinazione del Commissario straordinario  n. 38 del 25/05/2021

1.0
Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali

Privacy

Dichiarazione di accessibilità

Codice Fiscale e Partita IVA
00276970332

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Piacenza

Piazza Cavalli, 35 - 29121 Piacenza
Telefono 0523 3861 Fax 0523 334367
PEC: cciaa.piacenza@pc.legalmail.camcom.it